disfunzione erettile problema

La disfunzione erettile viene definita come l’incapacità da parte dell’uomo di raggiungere o mantenere una piena erezione nel corso di un rapporto sessuale. Secondo alcune ricerche in Italia il 13% degli uomini, quindi circa 3 milioni, è affetto da disfunzione erettile conosciuta anche come DE.

Considerando anche le forme lievi e moderate di disfunzione erettile la percentuale degli uomini che ne soffre può salire addirittura fino al 50%.

La patologia tende a presentarsi con l’avanzamento dell’età ed i fattori che incidono negativamente possono essere di natura organica, metabolica ed anche psicologica.

Cos’è

Per capire esattamente cos’è la disfunzione erettile è opportuno concentrarsi sul fenomeno dell’erezione del pene, detta anche erezione peniena.

Nel corso di un’erezione peniena si verifica una corretta elevazione del pene se l’afflusso di sangue ai corpi cavernosi avviene senza problemi.

La disfunzione erettile è invece causata da uno scarso afflusso sanguigno ai corpi cavernosi che non vengono “riempiti”, situazione che limita fortemente la completa erezione, l’inturgidimento e l’aumento dimensionale del pene necessari per un rapporto sessuale completo e soddisfacente.

L’erezione del pene  è un complesso mix di fattori vascolari, endocrini, neurologici, muscolari ed emozionali e richiede l’eccitazione e quindi l’attrazione sessuale verso il partner.

La disfunzione erettile rappresenta l’incapacità di mantenere una piena erezione del pene anche se c’è un forte desiderio sessuale. Questa malattia pur non avendo alcun carattere di tipo tumorale incide pesantemente sulla vita sociale e psicologica dell’individuo ed in alcuni casi è l’anticamera di malattie ben più gravi come ischemia o esordio della microangioparia diabetica.

Il disturbo dell’erezione si definisce primario o permanente quando il deficit si manifesta all’inizio del rapporto sessuale; si definisce secondario o acquisito quando invece si manifesta nel corso dell’atto sessuale. La disfunzione erettile può essere anche situazionale, cioè quando si manifesta solo in certe condizioni o con una determinata partner, o generalizzato se il deficit si manifesta puntualmente.

I sintomi

sintomi della disfunzione erettile prevedono la difficoltà o l’incapacità di raggiungere una piena erezione oppure a mantenerla. Tali sintomi possono verificarsi anche se sono presenti un forte appetito sessuale ed attrazione nei confronti del partner. Talvolta al problema dell’erezione può associarsi l’eiaculazione precoce o ritardata, anche se si tratta comunque di due disturbi diversi. Un deficit occasionale non è un sintomo di disfunzione erettile, ma è un classico caso di “flop” che generalmente può capitare a tutti gli uomini. La presenza di erezione durante il sonno porta ad escludere cause organiche.

Le cause

La disfunzione erettile può assumere diversi aggettivi in base alle cause che ne hanno provocato la comparsa.

Si parla di disfunzione erettile post-traumatica quando le cause sono di natura traumatica e quindi derivanti da un incidente alla testa del pene o durante gli interventi chirurgici ai genitali.

La disfunzione erettile vasculogenica comprende tutte quelle condizioni mediche che impediscono il corretto afflusso di sangue al pene necessario per un’erezione piena e duratura. Malattie cardiovascolari, diabete e ipertensione sono patologie che favoriscono l’insorgenza della disfunzione erettile.

Quando intervengono condizioni mediche che compromettono la salute del sistema nervoso e la sua azione di controllo del pene si parla di disfunzione erettile neurogenica. Cause neurologiche di DE possono essere il morbo di Parkinson, ictus, infortuni al midollo spinale e sclerosi multipla.

Si verifica una condizione di disfunzione erettile ormonale quando ci sono delle condizioni mediche che alterano la normale produzione di ormoni coinvolti nel processo di erezione peniena. Tra le cause ormonali si segnalano la sindrome di Cushing, l’ipotiroidismo, l’ipertiroidismo e l’ipogonadismo.

La disfunzione erettile anatomica racchiude le condizioni mediche che causano un’alterazione anatomica del pene. Tra le anomalie anatomiche maggiormente diffuse che causano la disfunzione erettile c’è la malattia di Peyronie.

La DE può essere causata anche dall’assunzione continua di determinati farmaci come: diuretici, antipertensivi, fibrati, antipsicotici, antidepressivi, corticosteroidi, anti-H2, anticonvulsivanti, antistaminici, antiandrogeni e citotossici.

Altri fattori che possono provocare la disfunzione erettile sono di natura psichica e comprendono patologie come depressione, ansia o traumi emotivi.

Le cause sono da ricercare anche in una qualità della vita piuttosto disordinata e sregolata che comprende l’abuso di alcol, l’eccessiva stanchezza, l’obesità e l’uso di droghe come cannabis, cocaina o eroina.

I rimedi naturali

Esistono diversi rimedi di natura farmacologica e addirittura chirurgica, ma è consigliabile provare a risolvere il problema con rimedi naturali soprattutto se il deficit non è particolarmente grave.

Alcuni studi hanno dimostrato che l’attività fisica, soprattutto quella aerobica, può combattere efficacemente il problema della disfunzione erettile. Gli allenamenti possono essere anche poco intensi purché siano regolari nel corso della settimana. Prima di scegliere l’attività fisica più indicata è comunque consigliabile consultarsi col proprio medico.

In alcuni casi la disfunzione erettile deriva unicamente da fattori psicologici che possono nascondere un trauma anche molto vecchio. Il semplice stress, l’ansia o la depressione possono essere sia cause sia conseguenze della problematica in questione ed in questi casi è opportuno seguire un percorso psicologico e farsi assistere da uno specialista.

L’alimentazione sbagliata e disordinata può essere una concausa della disfunzione erettile e se risulta complicato seguire una dieta corretta ed equilibrata è possibile ricorrere agli integratori alimentari. Bisogna però concordare col proprio medico il prodotto più indicato da acquistare, poiché alcuni integratori sul mercato o dosaggi sbagliati potrebbero contenere sostanze potenzialmente pericolose per soggetti affetti da altre patologie o che prendono già determinati farmaci. Bisogna naturalmente sottolineare quanto sia pericoloso acquistare farmaci di dubbia provenienza sul web che in alcuni casi sono semplici placebo o che possono risultare addirittura dannosi per la salute.

La psicologia

fattori psicologici che incidono sulla disfunzione erettile sono diversi e vanno analizzati attentamente per poter risolvere il problema.

Una delle cause più comuni è la cosiddetta “ansia di prestazione”, cioè una volontà quasi ossessiva di soddisfare la propria partner che alla fine causa l’effetto contrario e cioè una mancata erezione.

Altro problema ben noto in questo settore è il cosiddetto “spectatoring”, un fenomeno durante il quale l’uomo si pone idealmente al di fuori del rapporto sessuale come osservatore e giudice delle sue reazioni e delle sue prestazioni. Tutto ciò porta ad una sorta di distacco tra corpo e mente che rende difficile una piena erezione.

La disfunzione erettile può dipendere dal rifiuto spesso non riconosciuto ed inconsapevole nei confronti della propria partner causato da una scarsa attrazione fisica o psicologica.

Queste sono solo alcune delle cause psicologiche più diffuse, ma ne esistono tantissime altre che sono da ricercare addirittura in traumi infantili o in rapporti morbosi o al contrario carenti con i propri genitori. Una visita psicologica è sicuramente consigliata per individuare eventuali problemi di natura psichica.

Hai problemi alla PROSTATA?

8 CONSIGLI per ridurre l’infiammazione e il fastidio [PDF]

Inserisci la TUA EMAIL per ricevere il PDF GRATIS

Privacy Policy

You have Successfully Subscribed!